de:code

David Murphy 911 - Nel Peggiore dei Casi

di Roberto Recchioni, Matteo Cremona
Editore: Panini, 2008
Formato: Bonelli
Brossurato con copertina a colori
94 pagg. colori
Prezzo: 2,90 €

Ci sono varie cose da dire su David Murphy 911. Iniziamo da quello che non funziona oggettivamente. I terroristi (finto)mediorientali da film scadente (intollerabili). Lo spelling inglese, che in un paio di occasioni fa cilecca. Il baffo da pedofilo (che non è tollerabile nemmeno per la white trash texana).
La grammatura della copertina (che mi sa che non piace neanche all’autore…).
Continuiamo con quello che soggettivamente trovo un po’ fuori luogo. La copertina di Dall’Otto, qui troppo ingessata (e il protagonista sembra Eminem, per il disgusto di Recchioni, immagino). Alcune citazioni un po’ troppo “nerd” (Victor Wong e le maledizioni cinesi vanno a braccetto come Michael Jackson e i minorenni). Alcuni dialoghi un po’ troppo stereotipati (il concetto “ennisiano” degli Stati Mentali d’America sta iniziando a rompere). I caratteri internazionali del lettering (che funzionano sempre male).
E, infine, chiudiamo con quello che funziona. Innanzitutto l’impianto narrativo, che sembra molto organizzato e ben pensato, al di là (o forse invece in vista) dell’impostazione da blockbuster non lontana da quello di certo fumettume anglo-americano degli ultimi anni. Recchioni sembra meno incline a fare “scena” che in altre circostanze, e di questo beneficia certamente David Murphy 911, che appare solido e ben strutturato, soprattutto per quanto riguarda il lavoro di “background” (cosa che per altro lo sceneggiatore romano sa fare bene quasi sempre, come è stato anche nei casi in cui si è un po’ perso per strada).
Poi la quadratura del cerchio di un numero uno che dice praticamente tutto quello che deve dire, senza restare a corto di fiato o diventare eccessivamente rigonfio (e non è roba da poco).
A questi pregi bisogna aggiungere la parte grafica. Il lettering di Petrucci è preciso e il font usato accattivante. Cremona mostra ancora qualche incertezza e denota alcune leggere cadute, ma è un talento enorme e mi sento di scommettere che i disegni miglioreranno esponenzialmente nel corso della mini.
Se questo sarà il caso, al di là dei gusti personali, David Murphy 911 non potrà che riservare gradite sorprese. Comunque, a quanto sembra, non dovrò scrivere un pezzo Perché non bisognerebbe leggere David Murphy

Antonio Solinas
Chi siamo
De:Coder
Interviste
Approfondimenti
Recensioni
Link utili
Contatti