de:code

RASL 1

di Jeff Smith
Editore: Cartoon Books, 2008
Formato: comic book
Spillato con copertina a colori
32 pagg. colori
Prezzo: 3,50 $

Jeff Smith, evidentemente, non è uno che ama cullarsi sugli allori. Dopo i fasti di Bone e l’accordo per il film con la Warner Bros, arrivato dopo anni di rifiuti ad offerte più o meno valide, l’autore avrebbe anche potuto tirare i remi in barca. Qualche lavoretto per le major di tanto in tanto, (come la recente mini di Captain Marvel per la DC) allo scopo di non far dimenticare ai fans del suo nome, e il gioco sarebbe fatto. E invece no. Lungi dal mollare, Smith si rimette in gioco con una storia dal sapore fantascientifico, RASL, che ovviamente, fedele al credo DIY dell’autore americano, esce come “ongoing” bimestrale per la sua Cartoon Books, senza contare su accordi distributivi con nessun altro.
RASL rappresenta uno stacco netto rispetto alle atmosfere fantasy di Bone.
La narrazione si fa più tesa, il tratto leggermente più realistico, il ritmo più sostenuto, ma la sensibilità dell’autore e la sua capacità di raccontare appaiono intatte (e al massimo della forma). Confidando sul bianco e nero che fece la fortuna di Bone, Smith mette in scena una storia che ci presenta da subito un protagonista moralmente più ambiguo del solito (è un ladro), una maledizione che è anche un dono (come di prammatica) e suggestioni quasi burroughsiane, con crudeli assassini dalle fattezze mostruose e animalesche.
Questo primo numero lascia tanti punti in sospeso ma funge, in maniera perfetta, da introduzione per un mondo fantastico e disorientante, ma anche particolarmente attraente, anche per l’atmosfera più “mature readers” del solito, con un protagonista tosto e “cattivo” al punto giusto.
Sicuramente, vista l’abilità di Smith nel tessere trame a medio e lungo termine, nei prossimi numeri le cose si faranno particolarmente interessanti. Per ora, quanto fatto da Jeff Smith nel primo numero ci basta e avanza: la scena del flashback che anima la maggior parte dell’episodio è un piccolo manuale di sceneggiatura.

Antonio Solinas
Chi siamo
De:Coder
Interviste
Approfondimenti
Recensioni
Link utili
Contatti