de:code

Civil War N. 1

di Mark Millar e Steve McNiven - Paul Jenkins e Steve Lieber
Editore: Panini Comics, 2007
Formato: comic book
Brossurato con copertina a colori
48 pagg. colori
Prezzo: 3,00 €

È guerra.
E non ci sono cattivi in questa guerra.
Da un parte Iron Man e la legge, giusta o sbagliata che sia, dall’altra Capitan America e la libertà, una libertà fuorilegge.
Tutto nasce quando un gruppo di eroi, i New Warriors, durante il reality di è è protagonista, attacca un piccolo gruppo di superlatitanti. Uno di loro, Nitro, vecchio nemico del primo Capitan Marvel si fa esplodere (è questo il suo potere) durante lo scontro uccidendo non solo (almeno apparentemente) l’intero gruppo di giovani eroi ma anche più di 600 abitanti della cittadina del Connecticut, fra cui diversi bambini.
Questo avvenimento accelera il processo avviato da Maria Hill, nuovo direttore dello Shield dopo la fuga di Nick Fury in seguito agli eventi narrati in Guerra Segreta, all’indomani degli sconvolgimenti causati da Scarlet nell’ambito della maxisaga House of M.
Di fronte alla sfiducia di gran parte della popolazione, gli eroi non sembrano avere altra scelta che registrarsi e diventare a tutti gli effetti dei “dipendenti” de governo oppure darsi alla clandestinità.
Portabandiera degli eroi favorevoli all’Atto di Registrazione Tony Stark, alfiere degli eroi in fuga Steve Rogers.
Saranno i primi a dover “ricondurre alla ragione” Capitan America e i suoi alleati, in una guerra fratricida che promette di riservare parecchie sorprese (non perdetevi la scelta dell’Uomo Ragno, sul numero 2).
Sicuramente l’evento Marvel più importante di tutti i tempi che, in maniera più o meno collaterale, coinvolge davvero l’intero Marvel Universe (a parte gli eroi cosmici, impegnati a fronteggiare contemporaneamente l’Onda Annihilation nelle profondità dello spazio).
La miniserie principale è affidata all’esperto in blockbuster Mark Millar per i disegni di un ispirato Steve McNiven, e a corredo di ogni volume le storie tratte da Civil War: Frontline, collana collaterale scritta da un Paul Jenkins in ottima forma.
Sicuramente una storia da leggere, anche per chi non è appassionato del genere, anche solo per sapere con chi ci si schiererebbe. È facile stare dalla parte dell’eroe quando fronteggia il cattivo di turno, ma quando la guerra è eroe contro eroe, il lettore da che parte sta?

Simone Satta
Chi siamo
De:Coder
Interviste
Approfondimenti
Recensioni
Link utili
Contatti