de:code

SPECIALE FREE COMIC BOOK DAY : intervista a Le fumetterie partecipanti

di Simone Satta

Le seguenti fumetterie non sono state le uniche ad aderire al Free Comic Book Day (in tutto 12), ma rappresntano un ideale visione d´insieme dell´iniziativa, da Nord a Sud (compresa l´intervista all´organizzatore e libraio romano Paolo Accolti Gil), passando per la Sardegna.


Max Favatano – MONDI SOMMERSI, LECCE

Parlaci di te e della tua libreria.
Mondi Sommersi nasce nel 2001, a novembre, il 21. Avevo 22 anni appena compiuti e non vivevo bene sapendo di non avere debiti. Così mi è venuta la geniale idea: aprire una fumetteria. Ero sicuro che in questo modo i miei debiti sarebbero aumentati. Così è stato e da quel giorno lavoro da solo, solo per tirarmi fuori dalla cacca in cui mi sono cacciato con le mie abili mani. Con passione e dedizione.
In questi anni ho cambiato due sedi e due siti, ho preso un rottame della Opel per muovermi e ho conosciuto aspetti del mondo del fumetto che ignoravo completamente. Insieme a questi ho conosciuto editori e autori che talune volte ho avuto la fortuna di ospitare in negozio, creando spero, le basi per una realtà fumettistica di un certo peso nella mia città, Lecce.

Perché hai scelto di aderire al Free Comic Book Day?
Perchè senza iniziative non si fa un metro. Le iniziative, i tentativi, sono tutti da giocare. Ogni occasione è persa e anche se non avessi creduto nel progetto avrei partecipato per dare appoggio a chi invece ci credeva, soprattutto perchè se ne è discusso per la prima volta all´interno dell´AFuI -l´Associazione FUmetterie Italiane- e un gruppo si vede quando c´è da fare gruppo. Ma ci credevo anche io e quindi ho aderito con ancor più decisione.

Com’è andata l’iniziativa per quanto concerne la tua libreria?
Per quanto riguarda il mio intimo, la mia zona, è andato bene. Sono soddisfatto e non è facile tenermi soddisfatto, credimi. Ho avuto un´affluenza di circa 200 persone tra le quali ho riconosciuto circa 120 clienti e quindi almeno 80 facce nuove, il che è davvero positivo. Se consideriamo che tra queste molte presumibilmente non sanno neanche cosa sia un fumetto, bè, abbiamo colto nel segno.

Pensi che il FCBD possa diventare un appuntamento fisso per quanto riguarda te e il tuo negozio?
Non solo assicuro che lo diventerà, ma vorrei che lo diventi per tutte le fumetterie e che tutte le case editrici partecipino. Per il bene proprio e del fumetto. Ora la gente parla e i lettori non sono gente ignorante e disinteressata. Le domande che più mi sono state poste sono state ”come mai sei l´unica fumetteria a Lecce che lo fa” e ”come mai le case editrici che hanno aderito sono così poche” e io ho dato le spiegazioni. A non tutti piace spendere soldie a non tutti piace regalare. Ora i lettori si consultano, parlano con i fumettari e case editrici e fumetterie devono fare i conti anche con questo.

Pregi e difetti per quanto riguarda questo FCBD d’esordio.
Sarebbe inutile nascondere i difetti di questa prima edizione del FreeComicBookDay. L´organizzazione dell´evento è stata in alcuni tratti approssimativa e nonostante la buona volontà non sono stati raggiunti obiettivi fondamentali quali la pubblicità a livello nazionale, nemmeno sulle pseudoriviste del settore o sul web (salvo rare eccezioni). Questo ha ovviamente depotenziato la forza d´urto dell´evento. Il pregio maggiore invece, penso sia il fatto che è arrivato in Italia. Questo da solo da speranza agli anni a venire.

Come convinceresti gli altri librai a partecipare al prossimo?
Gli farei bere la balla che se partecipano al FCBD, nella loro fumetteria ci va Rosario Dawson vestita da Gail.





Emiliano Longobardi - LIBRERIA AZUNI, SASSARI

Parlaci di te e della tua libreria.
Lavoro in libreria da quasi 16 anni. Dapprima come dipendente, oggi come proprietario.
Quando ho cominciato non c’era un settore fumetti, oggi i fumetti hanno invaso uno dei due piani del negozio.
Il settore fumetti è trattato a 360°, nel senso che faccio arrivare qualsiasi cosa esca in Italia. Le zone dedicate agli articoli parafumettistici (gadgets, giochi, dvd) sono poche e cerco di tenerle ben distinte.
Faccio il servizio abbonamenti e vendita per corrispondenza.

Perché hai scelto di aderire al Free Comic Book Day?
Perché ero convinto che potesse essere un’ottima iniziativa per attirare nuovi clienti e per fare opera di divulgazione riguardo al mezzo.

Com’è andata l’iniziativa per quanto concerne la tua libreria?
Sono estremamente soddisfatto. Ottima affluenza, ottima risposta da parte delle persone che sono venute a ritirare i fumetti gratuiti, ottimi incassi (chi è venuto ha anche acquistato e la cosa – naturalmente – non mi è dispiaciuta nemmeno un po’).

Pensi che il FCBD possa diventare un appuntamento fisso per quanto riguarda te e il tuo negozio?
Assolutamente sì e il prossimo anno ci punterò in maniera ancora più convinta, sia in termini di investimenti economici che in termini di iniziative parallele.

Pregi e difetti per quanto riguarda questo FCBD d’esordio.
Pregi direi quelli che ho sinteticamente elencato qua sopra. Difetti limitati al fatto che per questa prima iniziativa a carattere nazionale abbiamo aderito in pochi, coprendo un buono spettro dello stivale (isole comprese), ma in maniera ben poco capillare.

Come convinceresti gli altri librai a partecipare al prossimo FCBD?
Dicendogli di leggere ciò che ho risposto alla terza domanda.
Aggiungo un appello agli Editori italiani: se la piantaste di lamentarvi della contrazione del mercato, della scarsa attenzione di cui gode il medium presso la vasta platea di “civili” e pensaste a dare il vostro contributo a iniziative come il FCBD, forse – dico forse – potrebbe essere un primo passo verso la diversificazione delle iniziative promozionali e forse – dico forse – potreste trovare nuovo pubblico e – udite udite! - anche un rientro economico.





Gianfranco Loriga – LORIGA FUMETTI; CAGLIARI

Parlaci di te e della tua libreria.
Lavoro nel settore dal ´93, ho ´creato´ la prima fumetteria cagliaritana, da dipendente, poi nel ´98 ho aperto la mia, che non è la tipica fumetteria ricca di gadgets e giochi, ma è soprattutto una libreria...di fumetti, con una particolare attenzione alle storie e agli autori.
ah, mi diverto anche con ebay!

Perché hai scelto di aderire al Free Comic Book Day?
Di solito sono scettico verso certe iniziative promozionali, sarà perchè vivo in una regione i cui appassionati, come tutti gli abitanti, sono veri campioni di understatement e diffidenza, ma ho invece gradito l´opportunità di poter fare dei regali ai miei clienti senza andare in rovina

Com’è andata l’iniziativa per quanto concerne la tua libreria?
Bene, tenendo conto del fatto che praticamente non ho pubblicizzato la cosa se non nell´immediata prossimità
è stato comunque divertente e anche proficuo a giudicare dall´interesse suscitato dagli albi della Italy Comics, che mi vengono acquistati in questi giorni

Pensi che il FCBD possa diventare un appuntamento fisso per quanto riguarda te e il tuo negozio?
Senz´altro, e conto di organizzarlo sicuramente meglio sperando che molti editori italiani si convincano a prendervi parte

Pregi e difetti per quanto riguarda questo FCBD d’esordio.
Non vedo particolari difetti in iniziative come queste che invece hanno il pregio di risvegliare l’interesse di persone che attirate dalla parola ‘gratis’ vengono a visitare le fumetterie di cui magari non conoscevano l’esistenza

Come convinceresti gli altri librai a partecipare al prossimo FCBD?
Mostrando loro l’incasso di una giornata di lavoro e festa pubblicizzata al minimo!





Adelaide Sardiello – MOX FUMETTERIA, FRANCAVILLA F.NA (BR)

Parlaci di te e della tua libreria.
Gestisco la mia fumetteria da 3 anni e come tutti i fumettari d´Italia l´ho aperta perchè appassionata di fumetti, dopo mi sono scontrata con la realtà di una reale mancanza di solidità in questo settore.

Perché hai scelto di aderire al Free Comic Book Day?
Per dare visibilità al media fumetto, diffonderlo nel mio paese e dare la possibilità alla gente di capire una volta per tutte che il fumetto non è roba per bambini!

Com´è andata l´iniziativa per quanto concerne la tua libreria?
L´iniziativa in fumetteria è andata più che bene con un affluenza che mai mi sarei immaginata di ricevere e con ottimi incassi che ne sono derivati!

Pensi che il FCBD possa diventare un appuntamento fisso per quanto riguarda te e il tuo negozio?
Sicuro.

Pregi e difetti per quanto riguarda questo FCBD d´esordio.
Come tutte le iniziative neonate molto c´è ancora da fare, i pregi sono (come più su già detto) l´affluenza e gli incassi, i difetti sono nella mancanza di adesione delle fumetterie e la mancanza di appoggio degli editori, in pochi hanno dato la loro adesione.

Come convinceresti gli altri librai a partecipare al prossimo FCBD?
Agli altri librai posso solo dire che se anche loro pensano che il media fumetto sia tenuto in pochissimo conto nel mercato attuale e se anche loro leggendo i fumetti che vendono si sono resi conto che il fumetto come un qualsiasi libro può essere letto da chiunque, iniziative di questo tipo non fanno altro che allargare le ristrette vedute della gente e allargare i futuri e probabili clienti che possono acquisire.
Poi se l´affluenza registrata dalle fumetterie che hanno aderito e i conseguenti incassi non sono un motivo valido per partecipare alle edizioni future vorrà dire che neanche loro in fondo credono più di tanto nel fumetto!

Chi siamo
De:Coder
Interviste
Approfondimenti
Recensioni
Link utili
Contatti


Il logo del Free Comic Book Day
Paolo Accolti Gil, Steve McNiven e Andrea Di Vito si ”preparano” al Free Comic Book Day...
La signing session di McNiven e Di Vito presso la fumetteria romana Italy Comics
La signing session di McNiven e Di Vito presso la fumetteria romana Italy Comics
Un´estemporanea signing session di Gabriele Dell´Otto